Cos'e'
E' il servizio tramite il quale si procede a verificare ed autorizzare l’apposizione delle lapide nonché delle epigrafi.

A chi si rivolge:
Al singolo cittadino

Costi e documenti da fornire:
Documento di identita'
Come fare per accedere al servizio:
LAPIDI NEI CAMPI DI INUMAZIONE: Il richiedente deve presentare apposita richiesta di autorizzazione nella quale si indicano i materiali, le dimensioni e le caratteristiche dei manufatti di cui si chiede la posa in opera sulle sepolture.
La consegna e l’apposizione della lapide avviene previo appuntamento, telefonando alla Crespellano Patrimonio srl.
LAPIDI SU SEPOLTURE PRIVATE: l’apposizione della lapide avviene previo appuntamento, telefonando alla Crespellano Patrimonio srl.
A chi rivolgersi:
Crespellano Patrimonio:
tel 051 6722002 - fax 051 6723831
numero verde 800 606 660
gtabaroni.patrimonio@alice.it
Apertura al pubblico: lunedì, mercoledì, sabato ore 8.30 - 12.30
per i servizi cimiteriali tutti i giorni dalle 8,30 alle 12,30

Particolarita':

LAPIDI NEI CAMPI DI INUMAZIONE: il Comune può autorizzare l’apposizione di lapidi, croci, lampade, fregi, ritratti od altri manufatti.
Prescrizioni tecniche per i cippi cimiteriali:
-        Il cippo dovrà avere dimensioni esterne massime di cm. 60 x 150 ed eventualmente presentare sui lati una fascia ulteriore di larghezza massima di cm. 12.
-        L’altezza massima della quota finita del pavimento del lapidone orizzontale è di cm. 15 .
-        L’installazione del cippo dovrà avvenire a cura della Ditta, previo appuntamento da concordarsi con la Crespellano Patrimonio srl e dovranno essere rispettati gli allineamenti con gli altri cippi esistenti.
-        Il montaggio dovrà essere realizzato o mediante la messa in opera di n.° 2 travetti in cls (testa e piedi) o mediante una lastra in cls . In entrambe le soluzioni, i supporti in cls non dovranno sporgere dalla quota finita del terreno.
LAPIDI SU SEPOLTURE PRIVATE (loculo, ossario, tomba di famiglia):
se non fornita dal Comune (come solitamente avviene), sulle sepolture private deve essere collocata una lapide entro due mesi dalla tumulazione del defunto.
Anche l’apposizione di lapide deve essere preventivamente autorizzata e deve rispettare le prescrizioni stabilite.
Prescrizioni tecniche lapidi
-        Le lapidi in dotazione al loculo dovranno essere ristuccate e rilucidate al momento dell’utilizzo del loculo, se si presenta la necessità di cambiare la lapide dovrà essere dello stesso tipo di marmo o granito e della stessa cromia .
-        Tutte le lapidi saranno ancorate alla struttura del loculo con borchie già in dotazione del loculo stesso.
-        Le iscrizioni potranno essere o in acciaio inox o in bronzo e, nella stessa lapide dovrà essere utilizzato un solo carattere, pure di diverse dimensioni.
-        Sul lato sinistro in alto della lapide deve essere riportato il numero corrispondente del loculo.
-        Le fotografie dei defunti devono essere in forma ovale o rettangolare non superiori alle dimensioni di cm. 13x18 esclusivamente con cornice in bronzo o acciaio, della stessa dimensione e patinatura delle epigrafi.
-        È concessa la installazione di immagini sacre, fiori o tralci in acciaio o bronzo ma della stessa cromia delle epigrafi per una dimensione massima di cm. 40x15. È concessa la sola incisione di immagini sacre o fiori per una dimensione massima di cm. 15x25. Non è permessa alcuna mensola.
-        Gli accessori, un portafiori ed un portalampada per lapide devono essere dello stesso marmo della lapide e le relative dimensioni non possono superare la larghezza di cm. 20. Il portafiori ( vaso) può essere sostituito da fiori, tralci di fiori, immagini sacre ( dimensione massima 40x15), in questo caso i fiori, tralci di fiori, immagini sacre sul portalampada dovranno essere per tutta la lapide dello stesso tipo e cromia .
-        I bordi delle lapidi, per una profondità di cm. 5 , non dovranno in nessun caso essere manomessi o coperti da accessori e non sono ammesse mensole che coprano parti comuni in grado di collegare loculi della stesa fila .
-        Gli accessori (mensole, lumi, immagini sacre,....) a corredo delle tombe di famiglia in cimitero di Crespellano distinte dal n° 2381 al n° 2524, installati sui tetti separatori laterali, dovranno essere fissati con semplici ancoraggi che garantiscano il facile smontaggio e rimontaggio durante le operazioni di tumulazione od esumazione.
-        Le lapidi dovranno essere ritirate e consegnate, previo appuntamento.
ULTERIORI PRESCRIZIONI TECNICHE PER LAPIDI:
-        Le lapidi potranno essere dotate di porta orchidea, il quale dovrà rispettare le dimensioni e le usuali modalità di posa degli accessori (portafiori, lampade, ecc.);
-        Il porta orchidea dovrà essere realizzato o con lo stesso materiale della lapide o con materiale diverso avente le stesse caratteristiche estetiche /cromatiche o dello stesso materiale impiegato per l’epigrafe.
-        Il porta vaso e il porta lume dovranno essere dello stesso materiale della lapide o di materiale diverso purchè con le stesse caratteristiche estetiche/cromatiche.
-        La Crespellano Patrimonio si riserva la facoltà, previa comunicazione al concessionario del loculo, della tomba di famiglia o cippo, di rimuovere, in caso di difformità le lapidi e di collocarle presso il magazzino del cimitero fino all’avvenuto adeguamento a cura del concessionario.
Le lapidi ed i monumenti funebri non possono essere lavorati all’interno del cimitero ma dovranno esservi introdotti già completamente finiti e pronti per il montaggio.

Referente: geom. Luigi Martelli - Crespellano Patrimonio srl

AddThis Social Bookmark Button

Teatro Calcara

Enescom